Impianto a carosello interrato 



(clicca sull'immagine per ingrandire)
Schema impianto a carosello per la produzione di lastre solaio e muri.

Un impianto tipo si compone di:

- Zona di preparazione, posizionamento delle teste fermagetto ed armature, con misurazione degli elementi da gettare tramite lettore meccanico.

- Zona di getto e vibrazione, composto da macchina con tramoggia avanzante sui pianali, che parzializza mediante martinetti oleodinamici la distribuzione del calcestruzzo a seconda della posizione delle teste fermagetto. Una attrezzatura posta all'esterno dei pianali, alza in automatico le armature durante il getto. Vagoncino di alimentazione della macchina per il getto. Vibrazione, ottenuta tramite vibratori montati su pinze idrauliche che agganciano il pianale
e vibrano gestiti da apparecchiatura "INVERTER". Posizionamento polistirolo.

 - Zona maturazione, composta da un tunnel coibentato e riscaldato tramite tubi alettati alimentati da acqua o vapore a bassa pressione, che consentono la maturazione dei manufatti.

- Zona scassero, con pinza montata su carroponte, predisposta di agganci che consentono l'estrazione dei manufatti per il carico o lo stoccaggio del prodotto finito.

- Zona spazzolatura, pulitura ed oliatura dei pianali.

- Pianali, per il getto, costruiti in lamiera di prima scelta piegata e rinforzata in modo da risultare perfettamente piana.
La superficie di getto è levigata.
Tutto l'impianto costruito secondo le normative CE è gestito da PLC. L'impianto ha la possibilità di eseguire anche la doppia lastra.

Produzione
:
Per una capacità di 50 pianali da mt. 12 x 1.20 in 6/8 ore di lavoro, m/q 700 circa.

Mano d'opera necessaria
:
N° 2 persone per la preparazione teste fermagetto e inserimento armature.
N° 1 persona per il getto e posa polistirolo.
N° 1 persona per scassero.

Photoalbum

Open
Open
Open
Open
Open
Open
Open
Open